LE NORME DI SICUREZZA DEL LAVORATORE ISOLATO

Grazie all’opzione di Hermes Sicurezza del lavoratore isolato, potenziabile con il modulo aggiuntivo di Soggettiva Video Mobile, è possibile rispondere alle esigenze di comunicazione a doppia via che si vengono a creare nelle situazioni di lavoro in solitaria, regolamentate da norme che prevedono specifici obblighi per il Datore di lavoro da adottare per garantire la sicurezza del Lavoratore in ogni circostanza.

In particolare, questa opzione è stata sviluppata in conformità allo standard tedesco (BGR/GUV-R 139) e britannico (BS 8484) che riportano i requisiti tecnici ed organizzativi di base affinché un sistema di sicurezza personale, che utilizza le reti pubbliche di radiocomunicazione, sia conforme alla norma DIN V VDE 0825-11. Sono altresì soddisfatte pienamente le prescrizioni del Testo Unico di Sicurezza sul Lavoro (81/08) in tema di lavoro in solitaria e isolato, che prevedono che il Datore di lavoro valuti tutti i rischi ai quali sono esposti i lavoratori per adottare le misure di prevenzione e di protezione necessarie per controllarli.

Già l’articolo 2 del Decreto Ministeriale n°388 del 15 luglio 2003 conteneva specifiche prescrizioni in tema di lavoro isolato: 

“Nelle aziende o unità produttive con lavoratori che prestano la propria attività in luoghi isolati, diversi dalla sede aziendale o unità produttiva, il Datore di lavoro è tenuto a fornire loro (…) un mezzo di comunicazione idoneo per raccordarsi con l’azienda al fine di attivare rapidamente il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale.” 

Quando l’attività lavorativa viene eseguita di notte o in una postazione remota o in un momento in cui l’attività dell’impresa utilizzatrice è interrotta, il Datore di lavoro deve adottare le misure necessarie e idonee utili a garantire che il lavoratore in condizione solitarie possa essere immediatamente soccorso.