Coordinamento e sicurezza durante le manutenzioni

Attività di manutenzione

Push to talk Over Cellular: le soluzioni per gestire le comunicazioni operative, il coordinamento degli incarichi e la sicurezza dei lavoratori isolati

Le attività di manutenzione e ispezione possono essere svolte in molteplici contesti: presso impianti distribuiti sul territorio come quelli eolici o fotovoltaici, presso tralicci e torri di elettrodotti o sistemi di radiocomunicazioni, presso stabilimenti industriali più o meno vasti, e via dicendo.

Indipendentemente dal contesto d’uso, ci sono alcune necessità nell’ambito della comunicazione operativa e di sicurezza condivise da chi svolge queste operazioni, in particolar modo nel momento in cui si desidera impiegare un solo addetto per manutenzione, pur rispettando le norme di sicurezza dei lavoratori isolati.

Si tratta di necessità legate al supporto dato da un Supervisore presente presso la propria sede aziendale alle attività degli addetti alla manutenzione, ed in particolare:

  • Comunicare in modo semplice e immediato;
  • Monitorare la posizione GPS dei manutentori, specialmente se impiegati in lavori presso siti di volta in volta diversi;
  • Assegnare incarichi operativi ai diversi operatori, potendo monitorare in tempo reale l’avanzamento dei lavori;
  • Supportare le attività di manutenzione ed ispezione anche con l’aiuto di dirette video;
  • Assicurarsi che chi lavora in solitaria possa sempre inoltrare richieste di soccorso anche automatiche (ad esempio Uomo a Terra).

I moderni sistemi di comunicazione integrata voce-dati-video consentono di rispondere a tutti questi bisogni in modo semplice oltre che economico.

SISTEMI PUSH TO TALK OVER CELLULAR

Si può ricorrere infatti alla tecnologia Push-to-talk Over Cellular (PoC)

  1. COMUNICAZIONE

Questa tecnologia consente di utilizzare appositi smartphone come se fossero radio mobili per comunicare in modalità Push To Talk (Premi & Parla). Si tratta di un metodo di comunicazione immediato, che non richiede di sbloccare lo schermo del proprio smartphone, cercare il numero di telefono e aspettare che il proprio interlocutore risponda, ed è ideale per chi svolge lavori di manutenzione e deve scambiarsi comunicazioni operative anche brevi.
Questa comunicazione è possibile sia tra due persone che all’interno di gruppi di conversazione; inoltre il Supervisore può creare in modo facile e veloce gruppi di conversazione temporanei, qualora occorra creare una squadra di manutenzione diversa per uno specifico intervento.

I sistemi di comunicazione basati su tecnologia PoC consentono poi numerose funzioni legate alla supervisione operativa in tempo reale, al coordinamento e rendicontazione degli incarichi, e alla gestione della sicurezza dei lavoratori isolati.

  1. SUPERVISIONE

Grazie agli strumenti mappa, il Supervisore può monitorare la posizione dei manutentori per indirizzarli verso i siti di intervento più vicini, oltre che per sapere dove indirizzare i soccorsi in caso di necessità. Può inoltre comunicare con chi al momento risulta presente in una determinata area geografica precedentemente georeferenziata.
Queste funzionalità risultano particolarmente utili per chi svolge attività di manutenzione presso siti distribuiti sul territorio.

  1. COORDINAMENTO

Dal proprio monitor, il Supervisore può poi programmare e coordinare gli interventi di manutenzione efficacemente, inoltrando differenti task a ciascun addetto, che può aggiornare in tempo reale lo stato di avanzamento del lavoro con semplici click sul proprio smartphone.

  1. SUPPORTO DA REMOTO

Nei casi in cui si renda necessario un supporto tecnico da remoto, il Supervisore ed il manutentore che opera in separata sede possono comunicare con l’aiuto della diretta video, strumento utile anche dal punto di vista della sicurezza, dal momento che può consentire di visionare, oltre alla lavorazione svolta, anche l’ambiente circostante.

  1. SICUREZZA DEL LAVORATORE ISOLATO

E a proposito di sicurezza, questo sistema di comunicazione consente di gestire, conformemente al d.lgs 81/08, la sicurezza dei lavoratori isolati, siano essi manutentori di impianti non presidiati ubicati in aree isolate o disagiate (ad esempio oleodotti, gasdotti o impianti fotovoltaici), o custodi con incarichi di manutenzione che operano in orario notturno. Infatti è importante valutare i rischi dei manutentori ed adottare strumenti di protezione adeguati.

Tra gli strumenti di sicurezza ci sono ad esempio:

  • La possibilità di inoltrare un SOS corredato di posizione GPS sia tramite la pressione dell’apposito tasto SOS, che automaticamente nel momento in cui lo smartphone PoC risulta orizzontale o immobile (“Uomo a Terra”, “Immobilità”) oppure quando il manutentore non dà la conferma ad un pop-up periodico che appare a intervalli di tempo preimpostati per assicurarsi che vada tutto bene (“Veglia Periodica”);
  • La possibilità per il manutentore che ha inviato un SOS di comunicare a mani libere, senza cioè la necessità di premere il pulsante del Push To Talk;
  • L’inoltro di allerte al Supervisore in caso di eventi potenzialmente pericolosi come l’abbassamento del livello di batteria, la disconnessione del Terminale o l’ingresso in zone precedentemente identificate come rischiose.

I sistemi Push-to-talk Over Cellular possono essere implementati in modo semplice e tempi brevi, sia come sistema chiavi in mano che come soluzione in Cloud. La loro efficacia consente di migliorare il coordinamento degli interventi di manutenzione, garantire la comunicazione, il supporto e la sicurezza dei lavoratori isolati.